Translate

venerdì 13 febbraio 2015

Minestra di pasta con la scarola

Ricca di vitamina A la scarola anche conosciuta con il nome di indivia è ottima nelle diete ipocaloriche
Spesso confusa con la "cugina" cicoria (entrambe appartengono allo stesso genere Cichorium),
l'indivia sviluppa una rosetta di foglie assai increspate le quali formano un cespo.



La pianta predilige terreni molto fertili, sciolti e ricchi di sostanza organica. Si semina in semenzaio e si mette a dimora quando le piantine hanno quattro o cinque foglie, rispettando la distanza di 25–30 cm sulla fila e 30–40 cm tra le file. Le irrigazioni devono essere frequenti finché le piante non formano il cespo, poi vanno a diradare onde evitare il marciume delle foglie e del colletto. La raccolta si esegue in autunno, inverno e all'inizio primavera.

In Sicilia  amiamo prepararla con il formaggio caciocavallo soffritto in olio evo e aglio, e poi per chi lo preferisce si aggiungono a piacere altro formaggio grattugiato e pepe nero che esaltano il gusto di questa deliziosa minestra. Quella che vedete nella foto è la versione più dietetica che prevede solo un leggero filo di olio d'oliva come condimento . Per entrambe le versioni, quella con formaggio e quella senza, i condimenti si aggiungono tassativamente a fine cottura, prima di servire in tavola. 

Mettete a bollire dell’acqua in una pentola,
Lavate bene la scarola, io uso la centrifuga manuale che è molto comoda , quindi sgocciolate la scarola e tagliate le foglie a striscioline.
Non appena l’acqua bolle cucinate la scarola. Quando la scarola sarà cotta Aggiungete la pasta.

Questa ed altre ricette vi aspettano come sempre nel mio blog 
e nella mia pagina Facebook In Cucina con Violetta 
mettete tanti mi piace per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità
Ciao!