lunedì 16 dicembre 2013

Mezzi rigatoni con sugo di sarde alla palina "Ricetta tipica palermitana"

La pasta "chi sardi 'a palina"  con le sarde alla Paolina rappresentano una variante della famosa pasta con le sarde e finocchi palermitana. E' molto semplice da preparare e occorrono pochi ingredienti, ma il gusto è fenomenale!



La legenda palermitana dice che fu un frate sconosciuto appartenente all’ordine dei minimi (anche detti paolini o in dialetto “palini”) fondato da San Francesco di Paola. Questi frati seguivano la regola della povertà ed il divieto assoluto di mangiare la carne e i suoi derivati, così dovettero arrangiarsi un po', e  a Palermo nel bellissimo Monastero di San Francesco di Paola inventarono “a pasta chi sardi a palina".
Questo condimento per primi piatti si può preparare e gustare in ogni periodo  dell'anno. 

ingredienti:

Sarde fresche 500 g.
Sardina sott' olio 1
Salsa di pomodoro ( estratto) o concentrato
Uva passa
Pinoli q
Semi di finocchio (facoltativo)
Cipolla 1/2,
Olio EVO
Sale e pepe q.b.
Pasta ( la quantità a vostro piacimento )

Soffriggere in tegame la cipolla ben tritata con olio abbondante. Sciogliervi l'estratto di pomodoro, aggiungete i semi di finocchio (facoltativo) uvetta e pinoli  e poi le sarde private della lisca e delle spine , senza né testa né coda. Condite con sale e pepe e sminuzzate le sarde, con il cucchiaio di legno, fino a ridurle in crema. Completate la cottura a fuoco basso per cinque minuti circa, aggiungendo un mestolo di acqua  di pasta calda. Lessate la pasta al dente e condite con il sugo di  sarde alla palina.  Questa stessa ricetta può essere realizzata con bucatini.

Buon appetito e alla prossima ricetta con Violetta!
Questa ed altre novità vi aspettano come sempre nel mio blog
E nella mia pagina
Ciao!

Anche loro fanno parte della famiglia

amazon